Download Anarchia come organizzazione by Colin Ward PDF

By Colin Ward

In keeping with molti l’anarchia è un improponibile modello sociale basato sulla disorganizzazione caotica. in keeping with altri è invece un’utopia generosa ma impraticabile. Ribaltando entrambe le interpretazioni, Ward l. a. intende come un’efficace forma di organizzazione non gerarchica, una vivente realtà sociale che è sempre esistita e tuttora esiste nelle pieghe della prevalente società del dominio. Utilizzando un’ampia varietà di fonti, l’autore articola in modo convincente l. a. sua tesi volutamente paradossale, con argomenti tratti dalla sociologia, dall’antropologia, dalla cibernetica, dalla psicologia industriale, ma anche da esperienze nel campo della pianificazione, del lavoro, del gioco…Colin Ward (Londra, 14 agosto 1924 - Ipswich, eleven febbraio 2010) è stato uno dei maggiori pensatori anarchici della seconda metà del XX secolo. Ha cominciato a lavorare come architetto prima, come insegnante poi. in step with oltre vent'anni è stato scrittore e giornalista free-lance. Gran parte delle sue ricerche si occupano dei modi "non ufficiali" con cui los angeles gente united states l'ambiente urbano e rurale, rimodellandolo secondo i propri bisogni. Ha così scritto una ventina di libri su temi sociologici e urbanistici come il vandalismo e gli orti urbani, l'occupazione di case e l'autocostruzione. Si è inoltre occupato della condizione dei bambini in situazioni urbane e rurali e ha anche scritto alcuni pamphlet destinati a loro e pubblicati dalla Penguin: Violence, paintings, Utopia. Oltre ai libri pubblicati da elèuthera in Italia sono stati tradotti: l. a. città dei ricchi e los angeles città dei poveri (E/O 1998), Il bambino e l. a. città (L'Ancora del Mediterraneo 2000).

Show description

Read Online or Download Anarchia come organizzazione PDF

Best italian_1 books

Essi pensano ad altro

Milano, Garzanti, 1976, octavo cart. cop. in poor health. col. pp. 158. 1a edizione

Extra info for Anarchia come organizzazione

Example text

In queste, «il sistema politico si basa su un equilibrio di poteri tra piccoli gruppi i quali, per l assenza di stratificazioni di classe o di funzioni specificamente politiche, sono stati chiamati anarchie ordinate ». Nella raccolta di saggi Tribes without Rulers 3 sono descritte molte di queste società africane «senza legge»; senza legge nel senso che non ci sono modelli vincolanti per la legislazione formale o per le decisioni giuridiche, né apparati di tutela della legge di qualsiasi genere.

Note al capitolo 1. George Woodcock, Anarchism: A History of Libertarian Ideas and Movements, Cleveland 1962, London 1963, 1986 (trad. : L’anarchia. Storia delle idee e dei movimenti libertari, Feltrinelli, Milano 1980). 2. Pierre-Joseph Proudhon, Du Principe Fédératif, citato in Steward Edwards (a cura di), Selected Writings of Pierre-Joseph Proudhon, London 1970 (trad. : Del principio federativo, Bonacchi, Roma 2005). 3. , «Encounter», dicembre 1962. 4. Si veda Theodore Roszak, The Case for Listener-supported Radio, «Anarchy», n.

Un centinaio di copie dell opuscolo veniva distribuito per strada con la certezza che almeno una o due copie avrebbero raggiunto qualcuno che a sua volta le avrebbe ulteriormente diffuse. I contatti erano stabiliti sulla base di rapporti diretti tra le persone. In questo modo ciascuno era a conoscenza dei limiti dei compagni. X è in grado di organizzare una riunione superando tutti gli ostacoli organizzativi, ma non sa far funzionare un ciclostile. Y sa usare una piccola stampatrice, ma non se la sente di scrivere un volantino.

Download PDF sample

Rated 4.53 of 5 – based on 41 votes